L’abito fa il monaco ! The dress makes the monk!

Quando un novizio entra nella comunità si suole dire che “ha preso l’abito”. Indossare un abito religioso significa infatti condividere un simbolo, rinunciare di fatto al mondo, entrare in un’ottica di vita diversa. Per questo gli abiti degli ordini religiosi non hanno conosciuto riforme e modifiche, rimanendo gli stessi con il passare dei secoli.  Vediamoli rapidamente a confronto.

When a novice enters the community it is common to say that he has “taken the robe”. Wearing a religious habit means sharing a symbol, renouncing the world, and entering into a different way of life. This is why the clothes of religious orders have not undergone any reforms or changes and have remained the same over the centuries. Let us quickly make a comparison.

Benedettini – Benedictines

Vestono in genere di nero, anche se nella Regola di San Benedetto non vi sono particolari prescrizioni riguardo all’abito se non che «ai fratelli si diano vesti adatte al luogo e ai climi diversi in cui abitano» (Regola, cap. 55). Nello stesso capitolo si dice espressamente che «i monaci non badino al colore o alla qualità» ma ben presto il nero divenne a tal punto caratteristico delle vesti dell’ordine che, specialmente a nord delle Alpi, essi furono identificati come i “monaci neri”. L’abito benedettino è composto da tonaca, generalmente cinta in vita da una cintura di cuoio, scapolare (un cappuccio unito a due pezzi rettangolari di tessuto che scendono sul davanti e sul dietro) e  cocolla, mantellina da usare soprattutto nel coro. La scelta del colore nero viene associata alla sua tradizionale austerità. Piccole differenze di foggia distinguono oggi gli abiti neri dei monaci delle varie Congregazioni europee.

They generally dress in black, although the Rule of St Benedict does not make any particular prescriptions regarding dress other than that “the brothers should be given clothing suitable for the place and different climates in which they live” (Rule, ch. 55). In the same chapter it is expressly stated that “the monks are not to pay attention to color or quality” but soon black became so characteristic of the order’s clothing that, especially north of the Alps, they were identified as the “black monks”. The Benedictine habit consisted of a cassock, usually cinched at the waist by a leather belt, scapular (a hood joined to two rectangular pieces of fabric that fell down the front and back), and a surplice ring collar, a cape used mainly in the choir. The choice of black is associated with its traditional austerity. Today, small differences in style distinguish the black robes of the monks of the various European congregations.

Due congregazioni benedettine vestono però di bianco: sono i Camaldolesi il cui abito è completato da un ampio mantello, indispensabile, vista la posizione montana di gran parte dei monasteri, e dagli Olivetani che vestono di bianco per sottolineare la loro particolare vocazione mariana in cui il bianco è simbolo di purezza.

However, two Benedictine congregations wear white: the Camaldolese, whose habit is completed by a large cloak, indispensable given the mountainous location of most of their monasteries, and the Olivetans, who wear white to emphasize their particular Marian vocation in which white is a symbol of purity.

Cistercensi – Cistercians

Anche i cistercensi indossano una tonaca bianca in segno di devozione mariana (a Maria hanno dedicato tutte le loro chiese), a cui sovrappongono però uno scapolare nero; per la preghiera in coro spesso indossano un mantello bianco, per i lavori manuali vestono un rustico abito marrone.  

The Cistercians also wear a white robe as a sign of Marian’s devotion (they have dedicated all their churches to Mary), but they overlap it with a black scapular; for prayer in the choir, they often wear a white cloak, for manual work they wear a rustic brown robe.  

Certosini – Carthusians

L’abito dei Certosini è di grezza lana bianca e si compone di un saio stretto, di una cintura in cuoio bianco e di uno scapolare con bande laterali. Alla cintura è fissato anche un rosario bianco.

The Carthusians’ habit is made of rough white wool and consists of a narrow habit, a white leather belt, and a scapular with sidebands. A white rosary is also attached to the belt.

Domenicani – Dominicans

Bianco è anche l’abito dei Domenicani, derivato da quello dei canonici a cui l’ordine si ispirava. Sopra la tonaca i frati indossano anche uno scapolare bianco e una mantellina con cappuccio neri.

The Dominicans’ habit is also white, derived from that of the Canons from whom the order was inspired. On top of the cassock, the friars also wear a white scapular and a black cape and hood.

Francescani – Franciscans

In pochi altri ordini l’abito ha finito per assumere una valenza tanto importante come in quello dei Francescani. Basti pensare che una delle sue tre famiglie principali, i Cappuccini, ha preso il proprio nome da un capo di abbigliamento. L’abito scelto dai penitenti di Assisi era in origine nient’altro che quello usato dai contadini umbri, un umile saio grigio stretto in vita da un cordone, oggi invece le tre famiglie francescane indossano abiti diversi: i Minori portano un saio di color marrone con cordone bianco in vita, anche se In alcune province è ancora in uso l’abito grigio; i Conventuali indossano un saio nero con cordone bianco; i Cappuccini  indossano un saio marrone ma con un cappuccio più lungo e appuntito rispetto ai Minori. Oggi la maggior parte dei frati calza regolarmente scarpe e calze; solo tra i Cappuccini sussiste la consuetudine di portare sandali su piedi scalzi, segno distintivo dei suoi membri unitamente alla folta barba.

Few other orders have given the habit such an important role as the Franciscans. Enough to say that one of its three main families, the Capuchins, took its name from a piece of clothing. Today, however, the three Franciscan families wear different garments: the Friars Minor wear a brown habit with a white cord around the waist, although in some provinces the grey habit is still in use; the Conventuals wear a black habit with a white cord; the Capuchins wear a brown habit but with a longer, more pointed hood than the Friars Minor. Today most of the friars regularly wear shoes and socks; only among the Capuchins is there the custom of wearing sandals on bare feet, a distinctive sign of its members together with their thick beards.

Agostiniani – Augustinians

Per imposizione papale dal 1256 l’abito degli Agostiniani è nero, in modo che lo si potesse facilmente distinguere da quello degli altri ordini mendicanti. Consta di una tunica di lana stretta da una cintura di cuoio e da un cappuccio a forma di mantelletta allungata a triangolo. In casi particolari è ammesso anche un abito bianco in onore della Vergine. 

By papal order from 1256, the Augustinians’ habit was black so that it could be easily distinguished from that of the other mendicant orders. It consists of a woolen tunic held together by a leather belt and a hood in the form of a triangular cape. In special cases, a white robe in the memory of the Virgin is also allowed. 

Carmelitani – Carmelitans

Dal Capitolo di Montpellier del 1287 i Carmelitani indossano invece un abito marrone con cappa bianca invece di quella barrata indossata alle origini. 

Since the Chapter of Montpellier in 1287, the Carmelites wear a brown habit with a white cape instead of the barred one worn at the beginning. 

Trinitari – Trinitarians

Davvero particolare è l’abito dei Trinitari, bianco con croci rosse e blu, ispirato da una visione avuta dal fondatore San Giovanni de Matha. Forte è la simbologia che lo definisce perché i tre colori rappresentano rispettivamente il Padre Celeste (bianco), la livida Passione di Cristo (blu), la fiamma dello Spirito Santo (rosso). 

The Trinitarians’ habit is very special, white with red and blue crosses, inspired by a vision of the founder St John de Matha. There is strong symbolism that defines it because the three different colors represent respectively the Heavenly Father (white), the bruised Passion of Christ (blue), and the flame of the Holy Spirit (red). 

Servi di Maria – Servite

Fu invece la Vergine stessa, secondo la leggenda, a consegnare ai Sette Fondatori l’abito nero che veste i frati Serviti, a perenne memoria del lutto della Madre Celeste per la morte del Figlio. L’abito ha quindi un valore mistico, collegato alla diffusa devozione per la Madre Dolorosa.

According to legend, it was the Virgin herself who gave the Seven Founders the black habit that the Servite friars wear, in perennial memory of the Heavenly Mother’s mourning for the death of her Son. The habit, therefore, has a mystical value, linked to the widespread devotion to the Sorrowful Mother.

Minimi – Minims

Un ruvido saio marrone, di evidente derivazione francescana, costituisce il semplice abito dei Minimi.

A rough brown habit, clearly Franciscan in origin, constitutes the simple habit of the Minims.

Cherici Regolari e Congregazioni Religiose – Regular Clerics an Religious Congregations

Non hanno invece un abito particolare gran parte delle congregazioni nate dopo il Concilio di Trento, tra cui Gesuiti e Salesiani sono i più famosi, che indossano normali abiti talari o, molto spesso, clergyman con un distintivo all’occhiello. Spiccano i Passionisti che hanno un abito particolare, deciso dal fondatore Paolo della Croce che evidenzia il lutto per la Passione di Cristo nel colore nero e soprattutto nella presenza di uno scudo sul petto con i simboli della Passione stessa.

On the other hand, most of the congregations born after the Council of Trent do not have a special habit: they wear normal cassocks or, very often, clergymen with a badge in their buttonhole. The Passionists stand out, wearing a special habit, decided by the founder Paul of the Cross, which highlights the mourning for the Passion of Christ in the color black and above all in the presence of a shield on the chest with the symbols of the Passion itself.

Per saperne di più sugli ordini religiosi leggi QUI – Read more about religious orders HERE

Quali sono gli ordini religiosi? Perché dire “monaco francescano” o “convento benedettino” è sbagliato?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...